Pagamento supplenti brevi: ancora difficoltà nonostante chiarimenti MIUR!

Categorie: , , , , , , | 15-02-2018

Continuano le difficoltà dei supplenti brevi costretti a rincorrere le mensilità arretrate e spettanti. Nonostante il grande impegno del personale amministrativo delle Segreterie scolastiche veronesi, a nostro avviso permangono le difficoltà di una procedura complessa di certificazione delle competenze, come confermano i recenti chiarimenti forniti dal MIUR alle Istituzioni Scolastiche e che di seguito riportiamo:

Supplenze brevi e saltuarie – Chiarimenti in merito al pagamento delle spettanze stipendiali”
Si precisa che il pagamento delle spettanze ai supplenti brevi e saltuari è regolato dal DPCM del 31 agosto 2016, che prevede l’interazione sostanzialmente di 2 Amministrazioni: MIUR e MEF. Il MIUR gestisce l’acquisizione dei contratti e l’assegnazione delle risorse finanziarie a copertura dei contratti stipulati; il MEF gestisce il calcolo e l’elaborazione dei ratei stipendiali e l’iter di pagamento degli stessi. Il processo di pagamento prevede che, a seguito dell’assegnazione delle risorse ai POS da parte del MIUR e della validazione degli importi da parte del MEF (UCB), il MEF (NOIPA) proceda all’emissione dei cedolini per l’effettivo pagamento. Alla data odierna risultano predisposte dal MIUR, e validate dall’UCB, tre assegnazioni per un valore complessivo pari a 181 milioni di euro per l’e.f. 2018. Si suggerisce quindi di monitorare, attraverso NOIPA, lo stato di avanzamento del processo di pagamento in quanto di sua competenza.”

Nonostante il monitoraggio che il personale interessato può effettuare auspichiamo che in futuro siano riviste e ottimizzate le procedure al fine di garantire il pagamento puntuale dei supplenti brevi e ridurre il carico di lavoro degli assistenti amministrativi.