Pensioni, cercare soluzioni che valgano per tutti

Categorie: , , , | 05-06-2013

Apprezziamo ogni iniziativa che solleciti una soluzione per via legislativa al problema del personale scolastico costretto a rimanere in servizio pur avendo maturato i requisiti ante riforma Fornero entro la fine dell’anno scolastico 2011/12. Abbiamo incalzato per mesi governo e gruppi parlamentari perché si consentisse a docenti e personale ata, da sempre collocati in pensione solo al 1° settembre di ogni anno, di assumere come riferimento per la maturazione dei requisiti la data del 31 agosto, e non del 31 dicembre: purtroppo le proposte legislative in tal senso sono state sempre tutte respinte.

Per questa ragione abbiamo percorso la via del contenzioso legale, e lo abbiamo fatto, come Cisl Scuola, mirando a soluzioni che valessero per tutti, e non solo per il singolo ricorrente. Abbiamo cioè puntato a ottenere un giudizio di illegittimità della norma, facendo in modo che fosse sottoposta al vaglio della Corte Costituzionale. I tempi, che non dipendono da noi, sono quelli della giustizia italiana, ed è comprensibile il disappunto di chi deve attendere il 19 novembre 2013 per vedere iscritta in udienza, dai giudici della Consulta, una richiesta fatta dal giudice del lavoro, su una causa da noi sostenuta, ben sedici mesi prima (agosto 2012). Ma tant’è.

Continueremo ovviamente a premere perchè nel frattempo non si trascuri nessuna occasione di un possibile intervento per legge, appoggiando qualunque azione parlamentare che si ponga questo obiettivo: in ogni caso, quando si arriverà al pronunciamento della Corte, se questo sarà conforme alla nostra richiesta tutti coloro che si sono visti respingere la domanda di collocamento in pensione potranno accedervi immediatamente.

Crediamo di esserci mossi nel modo giusto, collocando le azioni di tutela individuale in una prospettiva di respiro più ampio e di valenza più generale, come sempre dovrebbe fare un sindacato quando percorre le vie del contenzioso.