Pensioni: il Governo cambi o sarà contenzioso !

Categorie: , , , , , , | 23-02-2012

La CISL Scuola, dopo la bocciatura in sede parlamentare dell’emendamento che avrebbe consentito la maturazione dei pregressi requisiti di accesso alla pensione entro il 31 agosto 2012 anzichè entro il 31 dicembre 2011 come previsto dalla Legge 214 del 22 dicembre u.s., mantiene viva l’attenzione sulla questione previdenziale e continua nella propria azione volta ad ottenere un’applicazione della recente riforma, che consenta al personale della scuola un accesso alla pensione in misura più equa e graduale, richiamando il Governo a prendere l’iniziativa per un’urgente modifica legislativa all’attuale normativa.

Qualora il Governo non raccogliesse l’invito ad una modifica dell’attuale normativa previdenziale che si connota per il carattere pesantemente discriminatorio, la CISL Scuola assumerà ogni necessaria iniziativa di tutela degli interessati anche sul piano legale, per l’evidente disparità di trattamento che i lavoratori della Scuola si trovano a subire. 

Riguardo la tematica riportiamo, in allegato, la dichiarazione del Segretario Generale Nazionale Francesco Scrima.

allegati: