PENSIONI: serve cambio di passo sui controlli a garanzia degli interessati e dell’avvio dell’anno scolastico!

Categorie: , , , , , , | 18-07-2018

Si è recentemente tenuto presso il MIUR, con la presenza della Direttrice generale dell’INPS il confronto ripetutamente ricercato dalla CISL  SCUOLA,  a seguito delle segnalazioni di criticità raccolte, sul rallentato controllo delle domande di pensione della Scuola con decorrenza dal prossimo 1 settembre.

Una questione che se non affrontata con urgenza rischia di produrre conseguenze molto negative sull’imminente avvio del nuovo anno scolastico, con gravi danni agli interessati e all’utenza.

La preoccupazione sollevata dalle Organizzazioni Sindacali nasce dal fatto che quasi 5000 domande di cessazione dal servizio sono ancora ferme per i controlli dell’INPS che si trascinano da tempo impedendo ad oggi agli interessati di sapere se potranno accedere alla pensione e rendendo difficile la gestione dei movimenti di trasferimenti e/o passaggio del personale in quanto non é stata ancora acquisita la disponibilità dei posti liberati per effetto dei pensionamenti.

Come CISL SCUOLA abbiamo provveduto da tempo a segnalare alcune delle disfunzioni che stanno rallentando le procedure di controllo e che riguardano:

-il programma utilizzato dall’INPS per il conteggio dei servizi pre-ruolo, dove sono registrabili incongruenze penalizzanti impostato,

-le rigidità interpretative sulle norme riguardanti i riscatti in determinate situazioni (aspettative e congedi per motivi di famiglia, servizi in enti locali, ecc.),

-la mancanza di dialogo tra le piattaforme informatiche dell’ INPS e quelle di MIUR e MEF, che di fatto rendono impossibile effettuare con rapidità controlli incrociati.

Nonostante l’INPS sostenga congiuntamente al MIUR che le domande di pensionamento ad oggi non accolte sia inferiore a quello del 2017, le Organizzazioni Sindacali hanno unitariamente evidenziato che le novità introdotte da quest’anno nella certificazione dei requisiti hanno significativamente rallentato le procedure. È stato pertanto richiesto dalla CISL SCUOLA, unitamente alle altre sigle sindacali, un impegno straordinario degli uffici provinciali dell’INPS per porre fine quanto prima a una situazione di attesa non giustificabile e inaccettabile.

Riportiamo in allegato il comunicato unitario con il quale le Organizzazioni Sindacali registrano positivamente la disponibilità dell’Amministrazione e dell’INPS ad attivare tavoli di confronto anche in sede decentrata e offrono la collaborazione delle proprie strutture di Patronato, riservandosi comunque  di avviare, laddove necessario, azioni di contenzioso individuale e collettivo a tutela degli interessati.

allegati:

Comunicato unitario su ritardi controlli domande di pensione