Piano assunzioni straordinario e i resti di un drammatico flop!

Categorie: , , | 21-08-2015

Come CISL SCUOLA abbiamo sostenuto fin d’all’inizio, purtroppo rimanendo inascoltati, che il piano straordinario di assunzioni del personale docente era è un piano di reclutamento buttato giù in modo superficiale e frettoloso, incompleto e pieno di incognite che anziché risolvere in modo efficace la necessaria stabilizzazione lavorativa del personale, avrebbe alimentato ulteriori iniquità e ingiustizie tra i precari.

Purtroppo dai dati che emergono in questi giorni  non ci sbagliavamo, Finita la propaganda infatti ora rimane una drammatica realtà fatta di numeri che parlano chiaro ed evidenziano  come dei fatti nessuno degli obiettivi dichiarati in partenza potrà dirsi raggiunto: non avremo infatti 150.000 assunzioni, come solennemente annunciato dal Governo, non avremo lo svuotamento delle graduatorie ad esaurimento e si continuerà ad abusare del  ricorso ai contratti a tempo determinato..

Continueremo a sostenere con fermezza che la complessità dei problemi del precariato, dopo anni di risparmi sugli organici e di abuso dei contratti a termine, come chiaramente detto dalla Corte di Giustizia Europea, meritasse una risposta concreta dal Governo, a cui piace  predicare  il cambiamento, che costruisse un progetto in grado veramente di dare stabilità al lavoro nella Scuola, a partire dai posti che già ci sono e sui quali hanno lavorato per anni decine di migliaia di precari. Serviva infatti , come avevamo ripetutamente chiesto, un piano pluriennale che partisse dal fabbisogno reale delle scuole, per stabilizzare il lavoro dei 130.000 precari che ogni anno con un contratto di supplenza garantiscono il diritto allo studio di bambini e ragazzi. Oggi agli occhi dell’opinione pubblica qualcuno  dice, che per molti posti, per classi di concorso e per sostegno, non ci sono precari da assumere. Ciò risulta falso in quanto su tali posti, essendo già esaurite le graduatorie ad esaurimento, hanno lavorato precari anch’essi abilitati e spesso con ben più dei 36 mesi di contratto a termine, per i quali la legge 107 non prevede la stabilizzazione, ma solo un mero risarcimento.

Avevamo dunque ragione a chiedere che la legge prevedesse anche per questi precari un lavoro stabile a garanzia anche della continuità didattica per gli alunni; invece si continuerà purtroppo a ricorrere ancora a lavoro precario.

Per noi di CISL SCUOLA risultano quindi inaccettabili le dichiarazioni di qualche esponente di partito apparse recentemente sulla stampa che anziché ammettere che c’erano soluzioni migliori, che si poteva procedere con un piano pluriennale, a copertura di tutti i posti disponibili, ora scaricano le conseguenza della loro raffazzonata soluzione al problema evitando ancora una volta di affrontarlo e promettendo che aumenteranno i posti del futuro Concorso. Un’altra operazione poco credibile di cui i precari non possono ulteriormente pagare le conseguenze.