Piano straodinario assunzioni: risposta insufficiente che moltiplica i disagi dei precari

Categorie: , , | 06-08-2015

In questi  giorni il piano straordinario di assunzioni e l’assurda procedura di disponibilità al reclutamento nazionale su 100 province ,  stanno rivelandosi come un autentico flop  già  annunciato e rispetto al quale per mesi come CISL SCUOLA, unitamente alle altre sigle sindacali, ne avevamo denunciato le criticità e soprattutto richiesto  una pianificazione di modalità e una tempistica diversa.

Come CISL SCUOLA continuiamo a denunciare l’inefficacia di un piano che l’unico effetto straordinario che al momento è stato in grado di produrre è quello di aver polverizzato l’esistenza dei precari, alle prese con valutazioni e scelte che rischiano di condizionare pesantemente la vita di ciascuno,  avendo a disposizione pochissimi elementi di certezza e numerosissime incognite.

Le recenti  affermazioni  il Ministro che si meraviglia del fatto che il personale docente precario  possa decidere di non presentare domanda di partecipazione alle fasi nazionali delle procedure di assunzione, confermano  la totale lontananza  del Governo, dai veri problemi  e la scarsa razionalità di un progetto inadeguato alla concreta soluzione ai problemi del precariato.  Anziché  diminuire i problemi sono aumentati  con l’iniqua e immediata ricaduta di una mobilità forzata del personale , come avevamo denunciato da subito.

La CISL SCUOLA ribadisce con forza che le soluzioni adeguate da individuare erano altre, ma che il Ministro e il Governo hanno preferito ignorarle, a  vantaggio della ribalta mediatica, salvo poi dover  prendere  atto che la Legge da loro voluta non soltanto è invisa all’intero mondo della Scuola ma mette in grave disagio persino i precari, che avrebbero dovuto esserne i più diretti e indiscussi beneficiari.