PROCEDURE CONCORSUALI: parere del CSPI

Categorie: , , | 30-01-2016

Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione è stato chiamato ad esprimere un parere sulla bozza del bando di concorso scuola docenti che sembra sarà pubblicato nei primi giorni di febbraio.

Dal documento ufficiale emergono critiche alle due domande di inglese, ai programmi di studio troppo nozionistici e viene segnalata una sperequazione nei confronti di quelle figure professionali per le quali non sono stati attivati percorsi abilitanti negli scorsi anni.

Le due domande scritte in lingua inglese, che presuppongono un livello di conoscenza B2, sono sembrate al CPSI eccessive: la prova d’inglese di livello B2 non viene messa in discussione, ma viene invece chiesto di ridurne l’incidenza, riducendo da 2 a 1 i quesiti.

Inoltre, il CSPI ha suggerito di rivedere i programmi di studio per il concorso, dato che emergerebbe un prevalente aspetto nozionistico delle prove, che andrebbero riequilibrate a favore di competenze didattiche, metodologiche e relazionali richiesta ad un docente. Anche nella prova orale appare eccessiva l’insistenza sugli aspetti disciplinari.

Altra questione evidenziata dal CSPI riguarda il particolare caso degli ITP, gli insegnanti tecnico pratici per i quali non è mai stato istituito un percorso abilitante e che quindi non hanno mai potuto conseguire l’abilitazione, requisito d’accesso al concorso. Per questi ultimi è stata preclusa a priori la possibilità di partecipare alle procedure di selezione.

Allegato: PARERE CSPI