PROVE INVALSI : chiarimenti e prescrizioni dal Miur

Categorie: , , , | 21-04-2011

Pubblichiamo in allegato, la nota del MIUR , con la quale si forniscono una serie di precisazioni in ordine alla controversa questione delle prove INVALSI,  oggetto di un recente incontro tra lo stesso INVALSI e i sindacati, in merito al quale abbiamo riportato le nostre considerazioni in un apposito documento il 6 aprile scorso.

 La nota del MIUR, dopo aver richiamato la natura e le finalità delle prove, volte a consentire una più puntuale e oggettiva verifica dell’attività didattica ai fini di un miglioramento dell’efficacia dell’azione educativa, distingue le attività riferite alle “classi campione”, gestite direttamente dall’INVALSI con propri operatori, da quelle rivolte alla generalità della classi interessate alla rilevazione (II e V della scuola primaria, I e III della secondaria di I grado, II e V della secondaria di II grado), affidate al personale in servizio nella scuola. Si tratta di adempimenti che, secondo il MIUR, attengono all’ordinamento del sistema scolastico e dai quali pertanto non è ipotizzabile che le scuole possano sottrarsi. Ne discende l’obbligo di prevedere i necessari impegni del personale all’interno del piano annuale delle attività.

Tali impegni, peraltro, vengono evidenziati  come aggiuntivi, demandando alla contrattazione d’istituto, la definizione delle modalità di riconoscimento e compenso degli aggravi di lavoro del personale docente. Pur in mancanza di uno specifico riferimento nella nota Miur ai eventuali carichi di lavoro aggiuntivo ricadenti sugli uffici di segreteria, riteniamo che si debba procedere analogamente.

Resta la nostra convinzione che la circolare del MIUR, per quanto risolva positivamente alcune questioni, non possa sciogliere tutte le tensioni in atto sull’imminente svolgimento delle prove, indice di un diffuso disagio che attraversa il mondo della scuola.Ostacolare e vanificare le procedure valutative proposte e l’utilizzabilità dei loro esiti per migliorare il lavoro/servizio, non può essere a nostro avviso una risposta utile alla scuola e ai suoi lavoratori.

Allegato: