QUOTA 96: via libera della Commissione Affari Costituzionali.

Categorie: , , , , , , | 28-07-2014

Dopo ampia discussione parlamentare, durante la quale sono state incessanti le pressioni esercitate dalla CISL SCUOLA unitamente alle altre sigle sindacali, sembra aver trovato soluzione la questione “quota 96”  riguardante coloro che, a seguito dell’iniquo intervento della riforma previdenziale Fornero, si erano visti scippare l’accesso ormai certo alla pensione.

Risulta infatti approvato dalla commissione Affari Costituzionali della Camera l’emendamento con il quale a decorrere dal prossimo settembre potrebbe collocarsi a riposo il personale in possesso dei requisiti utili per l’accesso alla pensione e maturati entro l’anno 2011/2012, prima della Riforma Fornero.

É ora attesa, entro il prossimo 23 agosto, l’effettiva emanazione del provvedimento nell’ambito della conversione in Legge del Decreto 90/2014.

Nell’attesa la CISL SCUOLA sta esercitando le necessarie interlocuzioni e pressioni in sede parlamentare affinchė l’iter procedurale di  conversione si concluda entro il  10 agosto prossimo, data di inizio della sospensione estiva dei lavori parlamentari, consentendo così al personale interessato di avere i tempi necessari per produrre domanda e inoltrarla telematicamente all‘Inps entro i previsti 15 giorni dall’emanazione del provvedimento. A tal fine e visti i tempi ristretti a disposizione, il solo personale interessato potrà, una volta pubblicato il provvedimento, rivolgersi direttamente anche agli uffici del Patronato INAS Cisl.

Come CISL SCUOLA Verona registriamo positivamente la conclusione di una questione sulla quale ci eravamo impegnati in prima linea promuovendo anche specifici ricorsi in sede giudiziaria. Viene messa a nostro avviso la parola fine ad una palese ed inaccettabile ingiustizia e iniquità sociale perpetrata da discutibili scelte di mero contenimento della spesa pubblica, più volte da noi denunciata. Ora non certo paghi del risultato ci mobiliteremo nei confronti del Governo e  del MIUR perché si attui una completa revisione dell’attuale sistema previdenziale e perché, sui posti lasciati vacanti dal personale collocato a riposo, sia data una risposta forte di crescita occupazionale procedendo all’immediata autorizzazione delle immissioni in ruolo, quale risposta alla legittima richiesta di stabilizzazione del personale precario e di crescita qualitativa dell’offerta formativa

In allegato riportiamo testo dell’emendamento recentemente approvato alla Camera.

 

allegati: