Recupero scatti e posizioni ATA: aperto tavolo all’ARAN

Categorie: , , , , , , | 05-06-2014

Con l’incontro tenutosi oggi presso l’ARAN si é finalmente aperto il confronto tra Amministrazione e OO.SS.  Scuola per il recupero degli scatti di anzianità  e la riattivazione delle posizioni economiche del personale ATA.

Nel corso dell’incontro l’ARAN ha formulato al tavolo alcune proposte a soluzione delle questioni contrattuali ancora aperte. Il recupero della validità dell’anno 2012 ai fini delle progressioni di carriera del personale docente, educativo e ATA potrebbe essere raggiunto attraverso l’utilizzo di risorse non contrattuali derivanti dalle economie certificate del bilancio del MIUR, integrate da una quota delle risorse del MOF, non ancora assegnate alle scuole. Le posizioni economiche del personale ATA potrebbero essere riattivate e salvaguardate nel pagamento dei compensi fino al 31 agosto prossimo, utilizzando risorse derivanti dalla legge 440/1997.

Questi i contenuti della trattativa, su cui pesano le ineludibili responsabilità e il grave ritardo con cui Governo e Ministero nell’affrontare le questioni contrattuali ancora aperte e il confronto con il Sindacato.  Una trattativa che  deve necessariamente individuare in tempi rapidi adeguate soluzioni a salvaguardia del trattamento fondamentale del personale docente,educativo e Ata  che in questi ultimi anni per effetto delle manovre di contenimento della spesa pubblica hanno visto bloccato e rimesso in discussione il valore del proprio  stipendio con la conseguente e progressiva perdita del potere d’acquisto a cui si é sommato l’aumento della tassazione.

Soluzioni che giungono ormai al termine di un altro tribolato anno scolastico che ha reso ancora più difficile e complessa l’organizzazione e la realizzazione delle attività connesse all’offerta formativa delle Istituzioni scolastiche. Sulle priorità di buon funzionamento delle Scuole si continua a registrare la colpevole disattenzione  del Ministero, che traspare dal protrarsi della situazione di incertezza delle risorse incentivanti destinate alla contrattazione decentrata d’istituto; una situazione quest’ultima che ancora una volta misura la distanza del centro rispetto alla periferia e denuncia la scarsa considerazione  del valore del quotidiano lavoro dei dirigenti scolastici, dei docenti e del personale ATA.

La prosecuzione del confronto é stata aggiornata al prossimo 11 giugno,  giorno in cui  si ipotizza probabile la necessaria, quanto mai urgente, chiusura della trattativa con la firma di un accordo nella stessa giornata.