Rinnovato il CCNL 2019-2021: percorso NON semplice, ma BUON lavoro nell’interesse del personale!

Categorie: , , , , , , , , , , , , | 12-11-2022

Attraverso valutazioni complesse e in tempi strettissimi si é sviluppata la trattativa nazionale che ha portato alla conclusione, da tempo attesa della trattativa nazionale per il rinnovo del CCNL per il triennio 2019-2021 che, come già avevamo anticipato nel calendario delle assemblee territoriali CISL  SCUOLA, sarà argomento d’ informazione e riflessione durante i momenti d’ incontro con il personale docente educativo e ata.

Nel raccomandare la partecipazione alla assemblee, per i necessari approfondimenti di una trattativa che, laddove attraverso distinte tappe non si fosse raggiunta la sintesi con la sottoscrizione dell’Ipotesi di rinnovo del CCNL, avrebbe potuto in modo inedito vedere un atto unilaterale da parte del Ministero, inappellabile per tutta la categoria. Un atto assai discutibile e un pericoloso precedente che si sarebbe reso necessario al fine di impegnare le esigue risorse, di cui in ripetute occasioni abbiamo denunciato l’insufficiente consistenza rispetto ad un adeguato rinnovo del CCNL, che altrimenti avrebbero potuto essere registrati, in modo vergognosamente inaccettabile rispetto all’impegno profuso dal personale durante la Pandemia, come un aumento di spesa pubblica.

La Contrattazione nazionale ha visto fin da prima la CISL SCUOLA e le altre OO.SS. raggiungere l’Accordo per l’anticipazione delle risorse inerenti gli aumenti che era possibile impegnare entro l’anno 2022 comprensive degli arretrati, utili a contrastare in tempi brevi il crescente aumento dell’inflazione e dei prezzi dei prodotti che colpisce retribuzioni bloccate negli anni e con una forte perdita del potere d’acquisto. L’impegno delle risorse disponibili al rinnovo non ha potuto concretizzarsi in quanto i circa 300 milioni recuperati dalla valorizzazione, necessitano di un provvedimento di legge che  ne modifichi la finalità di Legge e li renda impiegabili per gli aumenti sia del personale docente e sia per il personale ata.

Il passo successivo ha portato poi all’ARAN per la sottoscrizione dell’Ipotesi di rinnovo del CCNL all’ARAN che ha tradotto in numeri e dato concretezza all’anticipazione assunta come impegno nell’Accordo raggiuto tra le parti. Tale risultato raggiunto pone le basi per l’esigibilità contrattuale, sin da gennaio 2023, dei 300 milioni inerenti la valorizzazione e di ulteriori risorse che fossero eventualmente individuate dalla Legge di Bilancio 2023, non trascurando che la contrattazione di parte normativa proseguirà nelle prossime settimane per raggiungere nello stesso termine significativi accordi su materie quali il riordino dei profili professionali del personale Ata, la Mobilità, gli aspetti disciplinari del personale docente e la formazione del personale su cui sono già avviati appositi tavoli tecnici.

Un percorso quindi quello del rinnovo del CCNL non facile, ma che raggiunge un buon traguardo nell’interesse del personale, sapendo mettere in sicurezza le poche risorse già da tempo ritenute insufficienti e rese disponibili, attraverso una prima erogazione in tempi brevi rispetto ai consueti tempi di erogazione degli aumenti e degli arretrati, fino a raggiungerne la completa esigibilità contrattuale anche nell’immediato prossimo futuro.

In allegato, riportiamo tutti i documenti inerenti il rinnovo del CCNL 2019-2021, per consentirne una adeguata conoscenza e una facile consultazione.

 

allegati:

– Accordo per anticipazione della parte economica relativa 19-21

– Comunicato sindacale unitario su Accordo anticipazione economica aumenti_CCNL_2019-2021

– Ipotesi anticipo economico CCNL 2019-2021

Comunicato sindacale unitario su Ipotesi economica rinnovo CCNL 

– Comunicato stampa CISL SCUOLA su Ipotesi per rinnovo CCNL 2019-2021

Approfondimento video sul rinnovo del CCNL