Rinnovo CCNL: prosegue il confronto sull’atteso Atto d’Indirizzo!

Categorie: , , , | 26-06-2017

Prosegue il confronto tra Organizzazioni Sindacali e MIUR sull’agenda delle priorità per la Scuola; tra queste il non meno importante rinnovo del CCNL.

Per dare avvio alle procedure del tanto atteso quanto meritato rinnovo del CCNL, su cui l’attuale Ministro Valeria Fedeli si é più volte impegnata nelle proprie dichiarazioni, serve l’emanazione di un formale Atto di Indirizzo all’ Agenzia governativa per la contrattazione pubblica (ARAN) la cui competenza é del Presidente del Consiglio dei Ministri, tramite il Ministro della Funzione Pubblica, di concerto con il MEF e sentito il MIUR.

Secondo il Ministero che per la prima volta in assoluto ha aperto al confronto con i Sindacati nella predisposizione dell’Atto di indirizzo i contenuti del futuro Contratto, alla luce del novo assetto del comparto che oggi comprende anche Università, Ricerca e AFAM,  dovranno riguardare oltre naturalmente alla parte economica, una parte normativa – in parte comune tra i settori – e sezioni specifiche, in relazione alle diverse professionalità. Durante il confronto al tavolo ministeriale, con specifica attenzione ai i temi della Scuola sono stati ricordati quelli della collegialità, delle sanzioni disciplinari, della revisione del profilo professionale del personale Docente e Ata.

Per il personale docente l’Amministrazione ha manifestato l’intenzione, anche più volte ripresa nelle assemblee territoriali Cisl Scuola e nelle proposte sindacali,  di agire su una diversa modulazione dell’orario di servizio, anche per far emergere il sommerso oggi ricondotto unicamente nell’ambito della funzione docente. Sempre per il personale docente sono stati introdotti i temi di un possibile sviluppo di carriera (imperniato su formazione e valutazione), del riconoscimento del lavoro d’aula nella direzione della personalizzazione dell’offerta formativa, dell’eventualità di una migliore strutturazione di incarichi didattici e organizzativi.

Per il personale ATA sono state invece sottolineate le questioni relative alle funzioni intermedie, a nuove forme di partecipazione alla vita degli organi collegiali, alla necessità di rivedere le modalità di progressione economica.

La CISL SCUOLA unitamente con le altre OO.SS. , ha sottolineato che l’Atto di indirizzo deve tener conto di quanto previsto dall’Intesa sul rinnovo dei Contratti Pubblici del 30 novembre 2016; in particolare devono essere ricondotti alla contrattazione gli ambiti che sono stati sottratti durante questi anni, quali l’organizzazione del lavoro e l’assegnazione del personale docente e ATA alle sedi. Sono state infine evidenziate le specificità che devono trovare spazio di discussione più approfondita, dal personale educativo a quello destinato all’estero, sino alla valorizzazione del personale DSGA.

Come CISL SCUOLA sul versante di un’ipotesi di costruzione di carriera per il personale docente e ATA abbiamo ribadito e continueremo a sostenere la necessità confermare gli scatti di anzianità e che se si vuole concretamente lavorarci,  occorre operare una accurata ricognizione delle risorse per il rinnovo contrattuale dopo l’estenuante blocco dei rinnovi contrattuali anche attraverso la “messa a sistema”, dal punto di vista contrattuale, delle risorse stanziate nella Legge 107/15 relativamente alla Valorizzazione del Merito e alla Formazione Obbligatoria. Abbiamo inoltre avanzato richieste per  l’introduzione di forme di welfare contrattuale e il potenziamento della contrattazione d’Istituto, superando i vincoli introdotti da Brunetta.

Continueremo a incalzare il Governo e il Ministro affinché gli impegni annunciati e presi nei confronti della Scuola, diventino concreta realtà già dalla prosecuzione del confronto prevista per mercoledì prossimo 28 giugno.