Scatti e posizioni economiche ATA: servono decisioni urgenti!

Categorie: , , , | 14-01-2014

Il recupero degli scatti di anzianità, scippati al personale della Scuola a seguito degli interventi unilaterali di vari Governi attraverso discutibili provvedimenti per il contenimento della spesa pubblica, é  la questione prioritaria su cui si concentra l’azione della CISL SCUOLA, che ha voluto oggi richiamare il Ministro a stringere i tempi per individuare le necessarie e  urgenti soluzioni  al problema.

Gli incontri tecnici infatti non bastano più. A questo punto la soluzione passa attraverso una necessaria modifica del dPR 122/2013, che consenta di riconoscere pienamente le anzianità maturate nel 2013. Risolto questo problema  la CISL SCUOLA chiede di riprendere tempestivamente la trattativa all’ARAN per il recupero della validità dell’anno 2012 ai fini delle progressioni economiche di carriera del personale docente educativo e ATA, sulla scorta di un atto di indirizzo che scaturisca da un’accurata ricognizione di tutte le risorse a tal fine effettivamente utilizzabili.

La CISL SCUOLA richiama il Ministro ad una maggior tempestività di azione anche perchè non va dimenticato che oltre il problema degli scatti va risolta presto e bene anche la questione delle posizioni economiche del personale ATA, che penalizzerebbe i lavoratori per l’ennesima volta  in modo inaccettabile e con  pesanti effetti di retrocessione retributiva.

Su quest’ultima questione che costituisce un nuovo fronte aperto la CISL SCUOLA unitamente alle altre sigle sindacali é intervenuta più volte  Sulla vicenda, ribadendo la validità dell’Accordo Nazionale sottoscritto nel 2011 e riscontrando su questo condivisione di vedute con MIUR, che ha risposto ai rilievi mossi dal MEF e dal dipartimento della Funzione Pubblica.