Sconcertante nota dell’USR Veneto su Bonus e premialità al merito: diffida dei sindacati

Categorie: , , | 18-02-2016

Sconcerto tra le OO.SS. per la nota 2982 emanata il 16 febbraio dall’USR Veneto per fornire “Orientamenti e riflessioni” ai componenti dei Comitati di valutazione: anticipare, senza averne alcun titolo, le linee guida nazionali che la legge 107 c.130 prevede siano emanate dal Miur e non dagli Uffici Scolastici Regionali, è un atto di ingerenza inaccettabile nei confronti dell’autonomia delle singole scuole.

La nota, che avrebbe avuto la pretesa di chiarire molte questioni aperte e che hanno reso difficoltosi molti tavoli contrattuali in sede di contrattazione integrativa di istituto, interpreta a nostro avviso erroneamente le norme di riferimento in particolare il riferimento alla non ammissibilità della contrattazione sul bonus, nonostante la legge 107 lo qualifichi come salario accessorio e quindi contrattabile.

Per la Cisl Scuola una licenza interpretativa grave avverso le posizioni sindacali espresse unitariamente fino ad oggi. Una posizione, quella dell’USR Veneto contro la quale le OO.SS. hanno  espresso il proprio dissenso politico prima con un comunicato e poi inoltrando una formale diffida a ritirare immediatamente la nota 2982 del 16 febbraio 2016.

 

Allegati:

Nota USR Veneto_rientamenti-ai-COMPONENTI-ESTERNI

Comunicato_nota USR

DIFFIDA-USR-VENETO