Scuola infanzia: irresponsabile scelta della Regione sui centri ricreativi!

Categorie: , , | 08-05-2020

La notizia circolata in questi giorni sul protocollo per la riapertura delle scuole dell’infanzia paritaria per lo svolgimento, a partire dalle prossime settimane, delle attività collegate ai centri ricreativi non può che vederci fortemente perplessi e assai preoccupati per le valutazioni azzardate della Regione Veneto, che con una rapida riapertura dei servizi educativi, rischia di vanificare gli sforzi fatti dalla collettività in termini di comportamenti responsabili e adeguati alla misure anti-contagio da Covid-19.

Con particolare riferimento a Verona provincia ad elevato tasso di contagio, riteniamo tale prospettiva motivatamente irricevibile.

la Regione infatti annunciando di voler sostenere la ripresa dell’attività lavorativa di numerosi nuclei famigliari, anche con un occhio di riguardo alle risorse sinora impegnate con la CIGD, pare di aver deciso di poter sacrificare al contagio da Covid-19 il personale scolastico a “vantaggio” della collettività.

A preoccuparci non sono solo le condizioni di elevata sicurezza che vanno garantite al personale con appositi protocolli anti-contagio, ma anche le ricadute che potrebbero verificarsi sulla salute di bambini, genitori e magari anche parenti, sopratutto con riguardo ai nonni,  trasformando di fatto le Scuole in potenziali situazioni a rischio.

Come CISL SCUOLA Verona e del Veneto abbiamo chiesto e ribadiamo con forza la necessità di un confronto sul tema rispetto al quale evidenziamo che:

-tutte le Scuole del sistema pubblico, comprese quindi le scuole paritarie, presenti sul territorio nazionale secondo le disposizioni del DL 8 aprile 2020, hanno sospeso le attività didattiche in presenza, sino al prossimo mese di settembre 2020;

-le attività ricreative per definizione sono attinenti alla sfera educativa e non all’attività didattica anche nella fascia 0-6, considerato che il momento ludico può essere una metodologia e non la finalità dell’attività medesima;

– il personale da impiegare in tali attività ricreative è individuato in modo specifico e omogeneo dai diversi CCNL di comparto, come personale educativo e in alcun modo personale insegnante;

In attesa dell’irrinunciabile confronto richiesto, annunciamo sin d’ora che come CISL SCUOLA Verona interverremo in tutte le situazioni che dovessero non garantire la sicurezza necessaria a bambini, famiglie e al personale scolastico, chiedendo l’intervento delle competenti autorità per disporne la tempestiva chiusura.

Alle famiglie e alle donne impegnate nel mondo del lavoro va la nostra solidarietà, ma oltre a ritenere che anche il personale femminile scolastico sia meritevole di altrettanta reciproca considerazione, riteniamo che una possibile soluzione nell’accudimento dei figli passi attraverso il potenziamento dei congedi parentali, che consentano indistintamente ai genitori di potersi assentare dal lavoro in questa triste parentesi dove la frequenza scolastica dei bambini é oggettivamente pericolosa