Scuole veronesi lezioni al via: la “Dignità” non risolve la crescente precarietà!

Categorie: , , , , , , , , | 11-09-2018

Inizieranno a breve le lezioni, ma per le segreterie scolastiche alle prese con le nomine dei supplenti del personale docente e ATA da consuete graduatorie di istituto non ancora pienamente in ordine, gli “straordinari” sono già iniziati da qualche giorno.

Districarsi tra le numerose coperture da realizzare per garantire la presenza in classe di tutti gli insegnanti che servono per la prima campanella, non é certo semplice considerato che dopo le assunzioni a tempo indeterminato di fine agosto con l’esaurimento della graduatoria permanente provinciale del personale amministrativo, rimangono tra spezzoni orari e interi ben 125 posti di lavoro ancora da assegnare nell’ambito delle segreterie, a cui aggiungere 7 istituti comprensivi veronesi ancora sprovvisti e in attesa dell’arrivo di un “sostituto” DSGA.

I dati raccolti nel corso del confronto che come CISL SCUOLA abbiamo chiesto con forza all’Ufficio Scolastico di Verona, fotografano una situazione allarmante e di crescente lavoro nella ricerca di supplenti, in alcuni casi introvabili, da parte degli Istituti veronesi.

Il quadro  del disastro occupazionale con tutto quel che ne consegue per la qualità della didattica, vede il suo epicentro nella Scuola Secondaria; in questo settore dove anno inciso i ritardi e le criticità legate al percorso FIT abilitati e alla formulazione, previo il solo colloquio con gli aspiranti, delle graduatorie di merito, si registrano ben 287 cattedre  e 205 posti di sostegno in pianta stabile su cui continueranno come nel passato a lavorare docenti abilitati precari e a grande maggioranza supplenti sprovvisti del titolo di specializzazione.

Meglio non va nella Scuola dell’infanzia e nella Scuola Primaria dove sono 100 i posti comuni e 185 quelli di sostegno a cui dare copertura, ma dove gli aspiranti nelle graduatorie laureati o diplomati che siano non sono sufficienti alla copertura dei posti o dei numerosi spezzoni orari ancora disponibili per supplenza.

Anche per gli altri profili del personale ATA oltre agli assistenti amministrativi contano quasi un centinaio di posti scoperti.

Complessivamente quasi un migliaio di posti di lavoro tra docenti e personale ATA che non hanno visto la stabilizzazione della forza lavoro necessaria.

Un mondo quello del personale precario della Scuola che paga l’indolenza e l’inefficacia dei sistemi di reclutamento che riverberano i propri effetti negativi su tutto il sistema d’Istruzione: un sistema che nonostante i ricorsi  vinti e i  nonostante i correttivi ai contratti a tempo determinato introdotti dall’art. 41 del nuovo CCNL continua ad abusare della precarietà.

Al Ministro e al Governo il compito di dimostrare sulla Scuola  il vero cambiamento, ridando Dignità non solo a parole ma concretamente al personale che quotidianamente, nonostante il mancato riconoscimento  professionale e le miopie o gli strabismi di politiche superficiali e disattente,  concorre instancabilmente al bene comune del territorio veronese e del Paese.

Come CISL SCUOLA Verona continueremo a incalzare l’Amministrazione Scolastica ai vari livelli, come già fatto anche al tavolo provinciale perché siano garantite le assunzioni a tempo indeterminato sinora non effettuate, si acceleri l’attivazione delle procedure concorsuali per il personale docente e della Dirigenza amministrativa, che in questo momento costituiscono elementi riconosciuti di criticità della rete scolastica veronese e rispetto ai quali occorrono risposte efficaci e in tempi brevi.