SITUAZIONE ORGANICI SCUOLA VERONESE A.S. 2011/2012

Categorie: , , , , | 18-04-2011

Come più volte denunciato si presenta drammatica la situazione degli organici relative all’a.s. 2011/2012.

Con la Circolare n. 21 del 14 marzo 2011, il Ministero conferma, per la definizione delle dotazioni organiche,  i criteri previsti per lo scorso anno scolastico. Siamo pertanto al terzo anno consecutivo di tagli come previsto dalla Legge 133/2008.

Nel  Veneto si conteranno n. 1398 posti in meno di personale docente in tutti gli ordini di scuola, rispetto all’organico dell’a.s. 2010/2011:

infanzia +34

primaria -748

primo grado -143

secondo grado -541

L’Ufficio Scolastico Territoriale di Verona, nel corso dell’informativa alle OO.SS del 7 aprile 2011, ha fornito i primi dati relative alla scuola dell’infanzia e primaria:

1)      Permane lo stato di sofferenza della scuola dell’infanzia che non risponde adeguatamente alle richieste di fruizione del servizio da parte delle famiglie. Lo testimoniano le lunghe liste di attesa che non trovano collocazione in un organico di diritto 2011/2012, considerato che lo stesso conferma le stesse sezioni attivate in organico di fatto 2010/2011;

2)      Sono 142 i posti tagliati nella scuola primaria per effetto

–          Dell’assegnazione di organico su 27 ore per le classi prime-seconde-terze e 30 ore per le classi quarte-quinte, con l’aggiunta dell’organico previsto sulle classi a tempo pieno;

–          Della scelta, in un’ottica distributiva del taglio, di ridurre i posti comuni in un numero corrispondente ai posti  specialista di lingua inglese;

Lo scenario che si delinea è allarmante:

a)      Non troveranno risposta le richieste di tempo scuola su 30 ore nelle prime-seconde-terze;

b)      Scompariranno totalmente le compresenze con conseguente riduzione dell’offerta formativa;

c)       Aumenteranno gli alunni per classe;

d)      Si ridurranno gli insegnanti specialisti di lingua inglese e verrà assegnato l’insegnamento della lingua inglese all’insegnante di classe;

e)      Non verranno sostituiti i 70 docenti che andranno in pensione dal 01/09/2001;

f)       Molti docenti perderanno il posto nella propria scuola con conseguente interruzione della continuità didattica nelle classi;

g)      Più di 50 docenti risulteranno in esubero e verranno inseriti in una graduatoria provinciale (DOP) in attesa di essere collocati nelle scuole per effetto di provvedimenti annuali;

h)      Si ridurranno i posti destinati al personale supplente.

Tutto questo a fronte di un aumento di n. 257 alunni e della costituzione di n. 44 nuove classi a tempo pieno.

Siamo in attesa della convocazione per l’informativa riguardante la scuola superiore di primo e secondo grado e del personale ata che, considerate le premesse, si preannunciano altrettanto preoccupanti.