Su Scuola e lavoro pubblico il Governo continua a sbagliare!

Categorie: , , , , , , | 10-08-2013

Rimangono purtroppo deluse le attese, cresciute attorno ai ripetuti proclami del Governo che annunciavano una inversione di rotta nel diverso approccio alle problematiche della scuola e nella riapertura di una nuova stagione di confronto nell’ambito del rinnovo contrattuale.Ai proclami non ha fatto seguito ad oggi alcun atto concreto in tal senso.

Visto il difficile momento economico congiunturale attraversato dal Paese, di cui ci si ricorda solo quando è il momento di stanziare risorse per il lavoro, il Governo ha invece ritenuto continuare a persistere nell’errore commesso dagli Esecutivi precedenti ossia quello di considerare la Scuola e chi ci lavora una risorsa per il Paese solo a parole.  Nei fatti concreti il Consiglio dei Ministri ha quindi recentemente comunicato l’approvazione in via definitiva di ” un regolamento che proroga il blocco della contrattazione economica e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti”. Disposizioni queste ultime che si traducono per i lavoratori della Scuola nella reiterazione del mancato rinnovo del CCNL e nell’ulteriore blocco degli scatti di anzianità.

A completare il quadro  di una Scuola ancora una volta penalizzata insieme al lavoro pubblico, l’assenza di qualunque provvedimento che dia una risposta alle numerose emergenze riguardanti: i posti in organico sul sostegno, il piano triennale di assunzioni a tempo indeterminato, la corretta collocazione del personale docente inidoneo, l’equo e graduale accesso alla previdenza per il personale “quota 96” .

Con queste premesse, se il Governo non provvederà tempestivamente ad affrontare e risolvere queste e altre questioni aperte come ripetutamente richiesto dalla CISL SCUOLA, si preannuncia fin da subito un avvio d’anno scolastico carico di criticità sulle quali non potremo far mancare la nostra denuncia e il nostro puntuale intervento.

 

allegati: