Sul Dpcm 1 marzo 2020 servono chiarimenti urgenti e istruzioni operative alle scuole!

Categorie: , , , , , , , , | 02-03-2020

In considerazione della sospensione delle attività con la ripresa non facile del servizio da parte del personale Ata, dovuto al contraddittorio evolvere della situazione di contagio che contrariamente a qualche giorno fa registra numeri crescenti anche a livello territoriale, come CISL SCUOLA stiamo intervenendo per chiedere che vi sia l’emanazione con urgenza e immediatezza di linee guida applicative anche delle recenti misure di contenimento contenute nel DPCM 1 marzo 2020.

Vanno infatti resi omogenei i comportamenti e ricondotta a buon senso l’operatività degli Istituti che in alcune zone, nonostante l’emergenza sanitaria, le misure di protezione e disinfezione da porre in essere nel rispetto della disposizioni di Legge e Contrattuali, registra da parte di alcune amministrazioni scolastiche il richiamo alla ripresa del servizio da parte del personale anche per attività diversamente programmabili, esponendo più lavoratori e lavoratrici del necessario, al potenziale contagio e disattendendo in parte le indicazioni di funzionamento con limitazioni e garanzia dei servizi essenziali.

Ricordiamo ad esempio che l’impegno contrattualmente compatibile con le nuove disposizioni per il personale docente durante la sospensione delle attività didattiche é legato alla sola partecipazione alle riunioni già programmate e ricomprese nel piano delle attività deliberato dal Collegio docenti ad inizio anno. Ciò non esclude al fine di contribuire a limitare le situazioni di contagio che già espongono in modo discutibile il personale ATA, che le medesime riunioni possano essere riprogrammate nel tempo.

Come CISL SCUOLA Verona e Veneto vigileremo in senso costruttivo sul territorio affinché sia garantito il rispetto della straordinarietà delle disposizioni compatibilmente al rispetto del CCNL e sopratutto con la necessaria attenzione a non esporre il personale scolastico e gli Istituti a ulteriori rischi con pesanti e negative ricadute.

In tale ottica riportiamo, in allegato,  la nota territoriale quale  primo nostro contributo alla necessaria chiarezza che stiamo rivendicando anche nei confronti di Ministero e Governo.

allegati:

– Attività del personale durante  sospensione da CORONAVIRUS