Supplenze : spunta una “pilatesca” nota, ma permangono molte criticità!

Categorie: , , | 22-09-2022

Segnaliamo al personale docente interessato, che recentemente é apparsa una nota sul sito dell’Ufficio Scolastico di Verona,  nella quale si cerca, a nostro avviso in modo assai tardivo e un po’ impacciato, di dare riscontro alle numerose segnalazioni di incongruenze sulle operazioni di nomina informatizzata a tempo determinato, che anche come CISL SCUOLA Verona abbiamo rappresentato nell’interesse reciproco sia del personale docente e sia del buon e corretto funzionamento.

A prescindere dai contenuti della comunicazione, a nostro modesto avviso, l’Amministrazione si é ritrovata a fare i conti con un sistema informatizzato, che lascia poco margine d’ intervento e con la discutibile convinzione che la modalità digitale, potesse sopperire alla capacità gestionale delle procedure a cui le articolazioni territoriali del Ministero dovrebbero essere preposte e presiedere al meglio; la procedura informatizzata richiedeva un lavoro più attento e intenso nella programmazione, attraverso una trasparente pubblicizzazione dei posti disponibili che non é avvenuta durante la presentazione delle istanze, accompagnata a una correttezza delle GPS, che tutt’oggi é messa in discussione dai diversi decreti di depennamento.

Il risultato evidente sono state le difficoltà di far incontrare “al buio ” domanda e offerta, ovvero aspiranti e posti, il tutto accompagnato da incoerenze per le quali  l’Amministrazione scolastica territoriale si affanna nel rassicurare che provvederà ” ove ricorrano i presupposti di fatto e di diritto ad apportare le eventuali rettifiche”.

Ci spiace ma come CISL SCUOLA Verona, ci pare veramente troppo poco! Per rispetto al buon funzionamento degli Istituti scolastici veronesi, dei docenti impegnati in classe, dell’operosità delle segreterie scolastiche che rischiano di ritrovarsi trascinate in frizioni e contenziosi, occorre anche evidenziare che  é mancato un adeguato governo dei processi, con ricadute  sulla rete scolastica che marcano una preoccupante distanza tra gli Uffici e le concrete esigenze di pieno funzionamento delle Scuole veronesi, chiamate a garantire in modo adeguato il tempo scuola presente sul territorio.