TFA: il MIUR rivaluta i risultati dei TEST errati

Categorie: , , , , , | 06-08-2012

La situazione di forte  problematicità venutasi a creare all’indomani degli esiti dei TEST di preselezione al TFA, rasenta il paradosso e pone per l’ennesima volta in evidenza il modo approssimativo, dettato dall’urgenza, con cui l’Amministrazione, pur a conduzione squisitamente tecnica, ha proceduto dal punto di vista organizzativo al delicato avvio di importanti, quanto mai attesi, percorsi di formazione e reclutamento. Da parte di tutte le OO.SS. si è levata la protesta per l’esito dei test di ammissione per i quali si sono riscontrate oltre a domande contenenti anomalie, errori e ambiguità, situazioni eclatanti e diffuse di mancato superamento delle prove da parte della maggior parte degli aspiranti.

La CISL Scuola, ha sottolineato che l’incredibile esclusione di massa che si è verificata, e che ha colpito particolarmente alcune classi di concorso, si deve ascrivere all’ambiguità oltre che alla mancanza di chiarezza, che ha caratterizzato la partita dei TFA dai decreti Gelmini in poi. La CISL Scuola, evidenziando come la situazione venutasi a creare renda ancora più gravi le drammatiche condizioni di migliaia di precari, ha inoltre richiesto con forza un intervento del MIUR volto sia ad accertare le responsabilità di questo fenomeno paradossale, sia ad individuare possibili soluzioni, quali prove suppletive o il ritocco del punteggio in concomitanza di test errati. Appare, infatti, incredibile e contrario agli stessi interessi del Miur, che i risultati della prima delle tre verifiche previste per la partecipazione ai corsi abbiano determinato una platea di aspiranti addirittura inferiore ai posti banditi.

Il Ministero, recependo le nostre richieste e mostrandosi disponibile ad individuare adeguate soluzioni, ha provveduto ieri con proprio comunicato stampa, ad avviare le procedure per una verifica dei test errati demandando ad una apposita Commissione il compito di  rivalutare i risultati di tutti i candidati, assegnando a ciascuno il punteggio derivante dalla formulazione corretta dei quesiti accertati come sbagliati e consentendo poi a Cineca di ripubblicare, entro il 20 agosto, gli elenchi degli ammessi alle prove scritte sulla base della suddetta rivalutazione.

Pertanto, in attesa degli esiti delle verifiche in corso e avendo ricevuto notizia che alcune Università hanno già fissato le date degli scritti per i primi di settembre, la CISL Scuola si impegna a vigilare affinchè le prove scritte siano concretamente effettuate a conclusione dell’istruttoria voluta dal Ministero.