TFA su SOSTEGNO: i chiarimenti del MIUR lasciano molte zone d’ombra!

Categorie: , , , , , | 15-04-2019

Pubblichiamo all’attenzione del personale docente interessato ai percorsi per l’acquisizione della specializzazione su sostegno, un recente nota con cui il MIUR impartisce chiarimenti sulle procedure in corso per il corrente anno e su quelle future .
Registriamo purtroppo che tale nota, pubblicata dal Ministero con ritardo e a ridosso delle prove preselettive, non risolve alcune questioni che rimangono purtroppo aperte e condizionano pesantemente la stabilizzazione del personale e piena copertura dei numerosi posti vacanti su sostegno.

Riportiamo a seguire in sintesi i chiarimenti del MIUR:

-per Docenti ITP viene confermato che fino all’anno scolastico 2024/25 il titolo di accesso alle prove è il diploma di maturità così come indicato nella Tabella B del DPR 19/2017 e successive modifiche;

-i candidati con disabilità grave sono esonerati dalla prova pre-selettiva e potranno essere ammessi in soprannumero alla prova scritta;

-sono ammessi in soprannumero anche i candidati che hanno sospeso il percorso ovvero, pur in posizione utile, non siano iscritti al percorso, coloro che sono risultati vincitori di più procedure e hanno esercitato le relative opzioni e quelli che sono risultati inseriti nelle rispettive graduatorie di merito, ma non in posizione utile;

– per la partecipazione ai percorsi oltre al titolo di studio di accesso in una classe di concorso di scuola di I° o II° grado, le tre annualità di servizio richieste possono essere state svolte anche in gradi diversi e pertanto non necessariamente nello stesso grado di scuola e nella relativa classe di concorso per cui si presenta la domanda;

– La frequenza ai corsi di TFA sostegno è incompatibile con qualsiasi altro corso che dà diritto all’acquisizione dei crediti formativi universitari o accademici da qualsiasi Ente erogato, in Italia o all’Estero.

allegati:

nota MIUR 12914_2019_chiarimenti Tfa Sostegno