Utilizzi e assegnazioni provvisorie: confronto al MIUR già avviato e a buon punto!

Categorie: , , , , , | 04-06-2018

Ha preso avvio nelle scorse settimane ed è ben avviato presso il Miur il tavolo della contrattazione collettiva nazionale sulla mobilità annuale, inerente gli utilizzi e le assegnazioni del personale scolastico per il prossimo anno 2018-2019.
A seguito di eventuali richieste di avvicinamento che non dovessero andare a buon fine, il personale docente, educativo e ATA potrà infatti fare domanda di assegnazione provvisoria o, secondo particolari casistiche, di utilizzazione.

La trattativa già ad uno stato avanzato e prossima alla conclusione, deve ancora risolvere due principali questioni su cui le Organizzazioni sindacali avevano concentrato i propri interventi:
-la richiesta di eliminare l’obbligo della convivenza per poter chiedere l’assegnazione provvisoria per ricongiungimento al genitore ;
-la possibilità di consentire assegnazioni provvisorie interprovinciali sul sostegno, anche ai docenti privi del titolo di specializzazione, limitatamente ad una quota dei posti ed entro e non oltre una determinata data al fine di garantire il regolare avvio dell’anno scolastico.
Il Ministero rispetto alle suddette richieste ha manifestato la propria indisponibilità, costringendo alla sospensione del confronto tra le parti, in attesa di approfondimenti ed integrazioni in materia da esaminare in ulteriori future interlocuzioni.
Il MIUR ha invece accolto le seguenti proposte di modifica fortemente sostenute dalla CISL SCUOLA:
-con riguardo all’assegnazione provvisoria è stato ripristinato tra i motivi di richiesta il ricongiungimento a parenti e affini, purché conviventi, e l’indicazione di una SOLA scuola del comune di ricongiungimento prima di indicare scuole di altri comuni;
-il recupero della possibilità di nuove utilizzazioni sui Licei Musicali, eliminata lo scorso anno, in coda a tutte le altre operazioni di utilizzo.
Provvederemo a tenervi informati sugli sviluppi della contrattazione nazionale, auspicando che la trattativa si chiuda bene, in tempi brevi e soprattutto adeguati a consentire al personale docente educativo e ATA la presentazione delle domande possibilmente non in piena estate “sotto l’ombrellone”.