VALUTAZIONE FINALE: nonostante gli interventi del CSPI, rimangono ancora molte perplessità!

Categorie: , , , , , , | 18-05-2020

Riportiamo in allegato le tre recenti Ordinanze relative alle procedure di valutazione finale del corrente anno, alla luce del contesto di sospensione attività in presenza dovuta alla pandemia da Covid-19 ancora in corso.

I tre documenti su cui il CSPI é intervenuto per restituire pareri migliorativi delle disposizioni riguardano nello specifico:

gli Esami conclusivi del primo ciclo, con colloquio orale web a distanza sottovalutando variabili quali alunni in difficoltà e la tenuta della connessioni;

la valutazione finale e gli eventuali recuperi degli apprendimenti, che vede la sterile presenza del voto decimale su attività neppure ben identificate dai vigenti ordinamenti e costruite strada facendo;

gli Esami di Stato conclusivi del secondo ciclo, con il colloqui in presenza e tutte le tensioni della verifica per natura  presenti amplificate dalle preoccupazioni per la sicurezza e la salute reciproca di docenti e studenti in grave assenza di un apposito protocollo scolastico nazionale anti-contagio.

Come CISL SCUOLA Verona ribadiamo le nostre profonde perplessità su una valutazione fatta acne con l’attribuzione del voto numerico, quando in un momento particolarmente difficile per tutto il Paese la Scuola ha dato prova, nei limiti di strumenti e risorse, auto-organizzandosi in ciascun Istituto Scolastico, di grande impegno e dedizione facendo fronte a dubbi e difficoltà di una attività disorganizzata e disomogenea sul territorio, quale la pratica della Didattica a Distanza.

Purtroppo la miopia del Ministero di ostentare che nulla si sia fermato e nulla sia cambiato, nella finta illusione social dell’innovazione solo annunciata, ha purtroppo prevalso mostrandosi di fatto lontana dalla realtà e incomprensibile  all’umano sentire di docenti, alunni e famiglie; il risultato a nostro avviso corrisponde all’ennesima ingrata mortificazione dell’impegno delle Istituzioni Scolastiche e di tutti soggetti coinvolti nei processi di apprendimento, esponendo il lavoro e gli esiti, in qualche modo ottenuti e documentabili, al giudizio già da tempo purtroppo implacabile di qualche azione di giustizia amministrativa.

Ancora una volta anzichè ricercare una soluzione di equilibrio e buon senso, aprendo ad un vero rinnovamento per il futuro magari traguardando la definizione di un quadro nazionale delle competenze su cui l’Italia rispetto al resto d’Europa é fanalino di coda, il Ministero ha scelto la via più semplice e obsoleta della codifica burocratico amministrativa per valutare uno scenario e una operatività inediti per docenti e alunni.

Riteniamo di poter dire che un’altra occasione per la concreta non apparente innovazione della Scuola italiana é stata persa e il nostro giudizio non prevede alcuna possibilità di recupero debiti ma bensì una bocciatura piena.

allegati:

Ordinanza Esami di Stato primo ciclo m_pi.AOOGABMI. 0000009.pdf

Ordinaza Esami di Stato secondo ciclo m_pi.AOOGABMI.0000010

Ordinanza Valutazione finale e recuperi m_pi.AOOGABMI.0000011