CISL SCUOLA : la nostra BUONA SCUOLA!

Categorie: , , , , , | 22-09-2014

Alla luce degli annunci del Governo che appropriandosi discutibilmente del titolo la BUONA SCUOLA, che aveva caratterizzato analisi e approfondimenti sindacali, ha presentato le proprie Linee guida d’intervento in materia di Istruzione, la CISL SCUOLA non ha fatto attendere la propria risposta, viste le non poche invasioni di campo in materia contrattuale che il documento del Governo contiene.

Oltre ad una attenta analisi  dei contenuti della Linee Guida,  la CISL SCUOLA ha elaborato un proprio dossier evidenziando come alcune delle proposte avanzate dal Governo necessitino, per le loro inevitabili ricadute sul rapporto di lavoro e sulla sfera contrattuale ad un confronto aperto con il Sindacato della Scuola.

L’obiettivo del dossier è quello di fare della proposta del Governo un punto di partenza per interventi che diano solidità al sistema, sfruttando le “aperture” su storici obiettivi del Sindacato (organico funzionale, contrasto alla precarietà attraverso le assunzioni e la stabilizzazione dei rapporti di lavoro) e correggendo alcuni evidenti errori, quali la mancata inclusione del personale ATA, nelle proposte che le Linee Guida contengono.

La CISL SCUOLA sottolinea l’evidente  contraddizione in cui il Governo rischia di cadere se all’ambizione delle proposte e alla suggestione degli annunci di voler valorizzare  il lavoro nella Scuola, fa seguire il rinnovato blocco del CCNL. Per la CISL SCUOLA la contrattazione è fattore importante di riqualificazione del servizio, anche attraverso scelte condivise di produttività e buon uso delle risorse. Forti pertanto le perplessità sugli interventi riguardanti la carriera sia per l’ingerenza contrattuale che per l’esigua entità delle risorse che si ipotizza di impegnare.

Deciso quindi il richiamo della CISL SCUOLA al Ministro e al Governo ad aprire il tavolo di confronto con il Sindacato e con il personale,  a fronte della sola e magari discutibilmente strumentalizzata consultazione popolare.

Nella piena convinzione che la Scuola rappresenti la vera leva per il rilancio occupazionale e il futuro economico sociale del Paese, come CISL SCUOLA Verona continueremo a rivendicare nei confronti del Governo l’apertura di un tavolo di discussione perché non c’é Buona Scuola che possa essere realizzata senza ascoltare ed avere la dovuta e dignitosa considerazione di chi nella Scuola  lavora ed esprime con abnegazione il meglio della propria professionalità, nonostante si trovi ad operare in contesti quotidiani contrassegnati da limitati strumenti e  ridotte risorse a disposizione della didattica.

 

allegati: