Organico e pensionamenti: numeri che preoccupano la Scuola veronese!

Categorie: , , , , , , | 10-02-2020

Si é tenuto in data odierna presso la sede dell’Ufficio Scolastico di Verona un incontro  chiesto unitariamente dalle OO.SS. territoriali per fare i punto della situazione su alcune delle questioni di crescente criticità ed emergenza della rete scolastica veronese.

Una prima parte dell’incontro é stata dedicata all’esame della situazione dell’organico del personale Ata che nonostante l’esiguo recupero di 64 posti in organico di fatto nell’arco temporale agosto-novembre 2019 (di cui 23 posti di assistente amministrativo , 36 posti di collaboratore scolastico e 4 posti di assistente tecnico) risulta insufficiente nei numeri ad affrontare le crescenti esigenze gestionali e di funzionamento.

Come CISL Scuola Verona abbiamo evidenziato la particolare gravosità delle condizioni lavorative che investono in pieno:

-il personale delle segreterie scolastiche alle prese non solo con le discutibili e moleste innovazioni di passweb, ma operativamente ostaggio di sistemi di reclutamento del personale supplente inefficaci e talvolta foriero di contenzioso;

-i pochi collaboratori scolastici rimasti in servizio sui quali ricadono crescenti carichi di lavoro, il cui peso si accentua maggiormente anche in presenza di personale avanti negli anni e non più a piene mansioni, e che risultano in  numero appena sufficiente in alcune realtà del territorio veronese a garantire l’apertura degli edifici scolastici e la sicurezza dei minori, come già rappresentato anche in estate al Prefetto di Verona.

In virtù delle evidenze numeriche abbiamo richiesto all’Amministrazione Scolastica l’impegno a monitorare tutti gli elementi utili a rappresentare ai diversi livelli e in diversi contesti istituzionali la preoccupante situazione dell’organico ATA di Verona e provincia.

Una situazione che si profila ancor più problematica nel prossimo anno scolastico alla luce dei pensionamenti: ben 121 nei diversi profili(75 collaboratori scolastici e 25 assistenti amministrativi, 4 tecnici e 8 DSGA)  a cui si aggiungono  i 381 posti di docenza( 22 infanzia, 125 primaria, 79 secondaria 1° grado e 155 secondaria 2° grado) per un totale complessivo di  493 posti che dal prossimo settembre non avranno un titolare.

Sono altresì in  attesa di verifica altre 372 posizioni sulle quali di personale scolastico che per raggiungimento verificato dei requisiti potrebbe essere collocato in pensione d’ufficio; posti che si vanno ad aggiungere con certezza ai circa 300 e più posti già vacanti per effetto di quota 100 dell’anno scorso e che restituiscono un esodo alla pensione di circa un migliaio di persone.

Una perdita di risorse umane e di valore per la rete scolastica, nella misura in cui nonostante l’impegno indiscusso delle segreterie scolastiche veronesi nel portare a termine le pratiche previdenziali, i posti non costituissero una ottima opportunità per i prossimi trasferimenti e soprattutto per le future assunzioni in ruolo, a prescindere dalle assai discutibili posizioni del Ministero sull’urgenza dei concorsi che stiamo contrastando con forza e determinazione.

Come CISL SCUOLA Verona abbiamo chiesto all’Amministrazione scolastica maggior impegno anche nei confronti dell’interlocuzione con l’INPS, per sostenere maggiormente e non vanificare il lavoro del personale amministrativo in relazione a passweb per la definizione delle posizioni previdenziali, arrivando a definire in modo chiaro l’operatività dei funzionari  dell’ente previdenziale, in un rapporto autorevole e rispettoso del lavoro del personale scolastico, che in alcun modo può essere lasciato solo ad affrontare le responsabilità degli Istituti in materia pensionistica  ne tanto meno può essere chiamato a caricarsi i tagli e i disagi di altri lavoratori pubblici.